www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: mercoledì 12 dicembre 2018 - 08:00 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

Gianpiero Armani

                                                            La storia del Novara Calcio

 

DUCCIO RABAGLIO

.

Duccio Rabaglio. Il terzino con lo spillone

E' la piccola vicenda umana e sportiva di un giocatore del Novara calcio, il terzino Riccardo Rabaglio, soprannominato "Duccio". Nato a Tortona nel 1902, cresceva solido e compatto. Non molto alto ma atleticamente ben messo. Possedeva carattere di ferro, temperamento adeguato al ruolo che presto si scelse, giocando da ragazzo nei prati di Tortona, la sana rigogliosa città al confine fra tre regioni.
Ovviamente fu un "amen" entrare nella squadra del calcio locale, chiamata Derthona, dal nome antico di Tortona. Il nostro Duccio Rabaglio, scuro di pellame, è terzino di potenza, “alla Caligaris”; difficile attraversargli la strada, quasi impossibile superarlo a confronto diretto. Di testa, malgrado la statura non eccelsa, le becca tutte. Presto diventa l'idolo della rumorosa tifoseria tortonese.
Succose curiosità: anche il Foot Ball Club Derthona è nato nel 1908, come il Novara; e il suo stadio rinnovato è stato intitolato dopo il 1960 a Fausto Coppi che è nato nelle vicinanze.
Il Derthona ha giocato i suoi primi campionati nelle categorie minori, finchè nel 1923 ha guadagnato il passaggio alla Divisione Nazionale. Grande festa a Tortona per i vari Gianello, Cerrutti, Re, Ghiglione, Bonzani e soprattutto per il poderoso terzino Duccio Rabaglio "la roccia" e per l'esperta mezzala Crotti, classe 1900, che ha già giocato diverse stagioni proprio nel Novara e nella Juventus (32 presenze), prima di tornare a casa a dare una mano ai suoi bianchi "leoncelli".
Enrico Crotti, dopo le prime esperienze a Tortona, è stato assunto dal Novara nel primo dopoguerra,giocando con gli azzurri gli splendidi campionati degli anni venti, quelli durante i quali il Novara battagliava testa a testa con la fortissima Pro Vercelli, campione d'Italia. Crotti giocava con compagni di linea come il nazionale Migliavacca e poi Mattuteia, Nello Quaglia, il nazionale Marucco, Mario Balossini, Santagostino...
Ovviamente Crotti, che è rimasto molto legato al Novara, negli anni venti segnala alla dirigenza azzurra quel terzino focoso e potente che sta facendo bene, benissimo nella squadra del Derthona. Càpita al Novara l'occasione di incontrare direttamente Rabaglio e il Derthona il 12 ottobre del 1924 a Tortona: sarà pareggio, 1.1, dopo battaglia incandescente, rete nostra del classico Raffaele D'Aquino, pareggio del tortonese Traverso.
Nella partita di ritorno dell'8 febbraio 1925, al nostro campo di via Lombroso, il Novara supera di misura 2-1 il Derthona, con reti di D'Aquino e Reynaudi. Ancora una volta Duccio Rabaglio si conferma difensore di ottima tempra. Piace ad avversari e ai tecnici.
In quella stagione, il Novara si piazzerà a metà classifica, con i suoi nazionali Meneghetti, Reynaudi, Marucco. Mentre il Derthona sarà costretto alla retrocessione, tornando mestamente in Prima Divisione (così allora era chiamata la serie "B").
I destini di Rabaglio e del Novara si incrociano ancora nel campionato 1926-1927, di Prima Divisione, con il Novara che lotta per tornare fra le elette, e il Derthona che tenta di sfuggire ad una nuova retrocessione. Le due partite si concludono con un largo successo degli azzurri 4-0 (reti di Rosina, Marucco, Rossi e Crotti) e una vittoria per i "leoncelli" con doppietta di Bonelli. Questo  insperato successo consente al Derthona di raggiungere la salvezza.
Tornando nella categoria superiore, il Novara si trova a dover affrontare alcuni problemi di inquadratura. Con grande dolore di tutti, è costretto a tornare in Ungheria il portiere Franz Feher (le leggi sportive del fascismo sono ferree e precise; niente più stranieri, tollerati soltanto gli oriundi); lo sostituisce il casalese De Giovanni. Fra i terzini se n'è andato alla Juventus Enrico Patti, per concludere una personale luminosa carriera; hanno cessato l'attività Ciro Renato Clerici e Mario Balossini (gravemente infortunatosi contro l'Alessandria); restano a disposizione come difensori soltanto Bonenti e Pestarini che appare più adatto come mediano.
Urgono forze nuove, ed ecco arrivare da Tortona proprio Duccio Rabaglio, già 25enne, ma al culmine della condizione atletica. Rabaglio giocherà con il Novara sino al 1935, per otto campionati consecutivi, collezionando ben 169 presenze.
I suoi compagni di coppia, sulla linea difensiva, saranno di volta in volta Bonenti (futuro grande pasticciere), Cassano, addirittura l'ex ala Giustiniano Marucco; poi il mitico Libero Checco, futuro apprezzato medico di sant'Agabio. La coppia di terzini formata dallo spartano Checco e dal tortonese Rabaglio diventerà una delle più affiatate e classiche del Novara calcio di ogni tempo.
Così raccontavano i nonni e i padri frequentatori dei campi di via Lombroso e poi, dal 1931, del magnifico stadio di via Alcarotti.
Duccio Rabaglio chiuderà la sua carriera agonistica e al Novara con l'ultima partita giocata al nuovo stadio "Littorio" di via Alcarotti proprio contro il "suo" Derthona: un impietoso 4-0 rifilato dagli azzurri ai tortonesi con reti di Varsaldi, Romano, Dondi e Paolino Piola. Quel giorno Rabaglio vestì la sua ultima maglia azzurra con il numero 5, sostituendo il capitano Mornese.
Nel frattempo, erano arrivati -spazzando via la concorrenza- i nuovi talenti come il casalese Alberto Mazzucco e il comasco Dino Galimberti che presto formeranno a loro volta una delle coppie più formidabili mai viste sui campi novaresi. Il tecnico Checcoi) e il colpitore (Rabaglio).
Raccontava Enrico Patti il massimo esperto novarese di calcio giocato e non: "Duccio Rabaglio era un grande difensore, di temperamento, di quelli che si accoppiano bene all'altro terzino, quello tecnico e ragionatore. Aveva un calcio potente, negli scontri era il primo ad uscire indenne, non aveva paura di giocare su campi giustamente ritenuti a rischio. Un magnifico atleta che al Novara degli anni trenta ha dato molto.
"Ricordo alcune sue particolari manie, una su tutte. A volte entrava in campo con uno spillone appuntato sul petto. Una spilla per i cappelli delle donne. Capii presto a cosa potesse servire quel piccolo attrezzo. In occasione dei calci d'angolo, Duccio manovrava lo spillone, e -naturalmente, non visto dall'arbitro- nelle mischie  più concitate infilava lo spillone nella chiappa dell'avversario più pericoloso. Impedendogli il balzo di testa.
"A volte sentivamo un urlo provenire dall'area. Io allora ero allenatore del Novara, e all'inizio non capii. Poi i compagni di Rabaglio mi svelarono il mistero. Cercai di invitare il giocatore a comportamento  più corretti e sportivi. Lui ubbidì, ma ogni tanto qualche urlo arrivava ancora dall'area del Novara… Ovviamente soltanto  sul terreno di casa…. Non so se gli avversari avrebbero tollerato tale comportamento sul proprio campo…"
F'al brav, Duccio!
Questo era Duccio Rabaglio, il terzino tortonese che a volte infilava uno spillone nel posteriore di un avversario. Un'arma in più per difendere la nostra porta.

Gianfranco Capra

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Coppa Italia: Lazio-Novara
• sabato 12 Gennaio 2019 (orario da definire)
Designazioni arbitrali Girone A
• Giovanni Nicoletti di Catanzaro per Al-Nov
Prevendita biglietti Alessandria-Novara
• tutte le info
L'editoriale Azzurro
• di Massimo Barbero
Viali: "un risultato inaccettabile"
• L'analisi del tecnico azzurro
Favarin:"Ci abbiamo creduto fino alla fine; orgoglioso dei miei"
• L'analisi del tecnico rossonero
Novara-Lucchese 2-2
• Il tabellino del match
5 minuti di black-out costano 2 punti
• Azzurri padroni del campo per 85' ma vengono acciuffati dalla Lucchese


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel