www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: venerdì 20 luglio 2018 - 21:28 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

L'editoriale Azzurro
Articoli correlati
Ufficiale: Visconti in azzurro
• Il comunicato del Club
La Nostra Serie A
• 15 gennaio 2012 Cesena-Novara 3-1
domenica 08 luglio 2018 - 17:46
di Massimo Barbero

Lo confesso, mai come stavolta avrei desiderato… il permesso di un week end di riposo assoluto firmato dal direttore Faranna… Perché per ora non c’è davvero nulla di concreto da scrivere sul Novara 2018-19. Ed il Novara 2017-18 rappresenta un brutto ricordo che rivivremo (a piccole dosi) a partire da mercoledì sera quando ritroveremo dalle parti del “Villaggio Azzurro” diversi protagonisti dell’annata appena conclusa.

Fateci caso, dalla maledetta sera del 18 maggio non abbiamo ancora avuto il conforto nemmeno di una “bella notizia”. Non considero tale la promozione di Ludi a DS (che di per sé sarebbe certamente una bella notizia) perché il passaggio di consegne era scontato da almeno un mese, in qualsiasi categoria fossimo finiti. Per il resto nulla. Non un acquisto (pare ci sia Sbraga in arrivo) non la conferma “blindata” di un reduce dalla passata stagione che dica: “Sento particolarmente mia questa retrocessione e voglio riportare il Novara dove merita vincendo sul campo. Per questo sono pronto a ridiscutere il mio ingaggio (utopia???) visto che mi piacerebbe tanto essere il capitano o uno dei leader della squadra che sta nascendo…”. Sono partiti (o stanno per farlo) a “prezzi da post-retrocessione” gli uomini della nostra rosa che più avevano mercato (Dickmann e Moscati e presto credo anche Montipò e Sansone) e sono rimasti gli altri. Quasi tutti ad attendere una chiamata dal proprio procuratore. Ad oggi non abbiamo un solo “sicuro protagonista” in cui identificarci, a cui affidare la nostra voglia di rivincita. Non lo può essere, per ora, nemmeno mister Viali che pure accogliamo con tutta la simpatia possibile perché da giovedì sarà chiamato a lavorare con una squadra che non sarà di certo la “sua” squadra. Quella verrà completata ad agosto inoltrato, con le incognite di un avvio di campionato che si annuncia già terribile per un Novara che si porta sulle spalle il piacevole fardello di un fresco blasone dato dai 6 campionati di B con annessa scappatella in A. Al cospetto di avversarie che magari punteranno su una partenza sparata per mettere prezioso fieno in cascina.Non occorre per forza il nome di CR7 per sognare ad occhi aperti in piena estate e nemmeno quello di Moscardelli. Possono bastare anche gli innesti di Kurbegovic, Coubronne e Ledesma… quando si ha l’impressione che sia la nostra squadra del cuore a cavalcare gli eventi (ovvero le operazioni di mercato) e non a subirli. Nel magico luglio 2009 erano stati gli innesti a determinare le uscite e non certo il contrario.

Alcuni giocatori ancora sotto contratto avevano capito che per loro non ci sarebbe stato più spazio ed avevano abbassato di colpo le pretese accettando altre destinazioni.Non ci resta che attendere.  Ed aggrapparci alla data del 9 luglio (domani) giorno in cui 4 anni fa vennero ufficializzati i primi acquisti (e che acquisti!) di Corazza ed Evacuo a quasi un mese dalla dolorosissima retrocessione di Varese.Per ora parliamo di giovani. E di prestiti di rientro. Un anno fa, più o meno di questi tempi, avevo dedicato un editoriale quasi intero a Manconi, alla vigilia di quella che sarebbe stata (purtroppo) l’ennesima occasione perduta. Per lui che ha trascorso un’altra stagione con la valigia in mano tra Carpi e Livorno. Ma anche per il Novara che, specialmente nel girone d’andata, avrebbe avuto tanto bisogno di una seconda punta capace di risolvere partite bloccate come saprebbe fare l’attaccante lanciato (eppoi rilanciato a Trapani) da Calori. Non voglio ripetermi ribadendo i soliti concetti triti e ritriti. A Jacopo dico solo di pensare a dove stanno adesso i vari Faragò, Vicari e Dickmann con cui ha condiviso gli esordi in prima squadra. Tempo per raggiungerli… ce n’è ancora… ma a 24 anni siamo forse davvero all’ultima chiamata. Sono molto contento del ritorno a casa di Nico Schiavi che probabilmente avrebbe meritato maggiore spazio anche nel campionato di B appena concluso. Il suo ingresso aveva rianimato la squadra azzurra al “Piola” contro Piacenza e Salernitana riaprendo partite ormai chiuse.

La mezzala argentina era entrata con grande personalità anche a Palermo nel pomeriggio dell’illusione azzurra. Onestamente non comprendo perché Corini non l’abbia più preso in considerazione da novembre in poi, rendendo inevitabile la sua cessione al mercato di gennaio. In certe partite “da encefalogramma piatto” sarebbe potuto essere davvero l’uomo giusto per scuotere anche compagni di nome, protagonisti di un campionato quantomeno non all’altezza della loro fama…Continuo a ritenere invece che un anno fa Simeri non fosse ancora pronto per un palcoscenico come la serie B nel quale ci sono difensori “sgamati” e di solito non sprovveduti nemmeno dal punto di vista tecnico-tattico che rendono la vita particolarmente dura ai centravanti che si affacciano alla nuova realtà (un certo Ciro Immobile segnò appena 2 reti nella sua prima stagione in cadetteria). La parentesi nella Juve Stabia, in un girone di C tradizionalmente “tosto” come quello del Sud, gli ha probabilmente permesso di completare per gradi la sua maturazione ed il fatto che sia andato in doppia cifra alla sua prima vera annata tra i professionisti (dopo gli esordi a Melfi) rappresenta ora una bella garanzia circa il suo valore.Non voglio invece caricare di particolari aspettative i giovani nati nel 1998.

Li seguiremo con grande affetto ed altrettanta fiducia perché il Novara su quest’annata ha investito parecchio e nell’attuale momento di difficoltà (tecnica) per la fresca retrocessione è davvero l’ora di raccogliere i frutti del lavoro iniziato da Borghetti e C, ma è giusto che la loro crescita avvenga per gradi, senza eccessive pretese iniziali. Ai nomi che si sono letti nei giorni scorsi… mi piacerebbe che si aggiungesse quello di Pietro Guatieri, mancino di grande spinta, reduce da una buona annata nell’Imolese. Credo meriti quantomeno la chance del ritiro per capire se si possa contare su di lui come “fuori lista”. Tra i nostri tesserati del 1998 c’è anche un certo Chajia… Per lui il discorso è diverso…. Un anno fa di questi tempi… si parlava dell’offerta milionaria dello Sporting Lisbona… Purtroppo le cose sono andate diversamente… Il Novara non è riuscito né a far cassa… né a poter contare sull’apporto del giovane scovato nell’Ostende che è rimasto fuori per tutto il girone di ritorno (dall’Entella all’Entella).Sono convinto che per il fantasista di origini marocchine… si debba fare un’eccezione alla politica societaria delle ultimissime stagioni. Non è il momento di venderlo, ma è invece il momento di puntare decisamente su di lui per avere un uomo in grado di fare la differenza in serie C. E’ un rischio (economico) da correre per un elemento che ha mostrato mezzi tecnici e personalità in grado di farlo emergere anche in una categoria nella quale dovrà misurarsi con diversi “scarponi”. La fascia di età che ci vede un po’ carenti è invece quella dei 1996-1997 (ne potremmo presentare fino a 8 in lista, senza occupare posti concessi agli over). In questo senso paghiamo le conseguenze della retrocessione del 2014. I migliori 1996 sono in prima squadra almeno dal giorno del nostro primo ritorno in C ed hanno giù spiccato il volo o stanno per farlo (Dickmann e Montipò). Gli altri si sono un po’ persi … o comunque hanno lasciato da tempo il Novara, scoraggiati dalla prospettiva di un campionato Berretti (quello 2014-15 intendo). Il promettente Torregrossa è dovuto ripartire dalla Bustese dopo aver trovato pochissimo spazio al Sudtirol.

Peccato aver lasciato per strada Pasqualoni che si stava riprendendo alla grande dopo una serie di gravi infortuni e che quest’anno ha giocato talvolta da titolare nel Cosenza di Braglia. Del gruppo dei trionfatori di Salò, fuoriquota a parte, chi ha retto bene l’impatto con il calcio professionistico è Migliavacca, un 1996 che dopo le esperienze a Carrara e Bisceglie, è certamente spendibile per una rosa di C.La differenza ovviamente la faranno gli “over” ed in questo senso i nuovi regolamenti che ne permettono di avere in rosa soltanto 14 (più il “calciatore bandiera” ed il “calciatore settore giovanile”) esalteranno in maniera particolare la bravura di direttori sportivi capaci di individuare gli uomini chiave su cui costruire una squadra vincente, ma anche i ragazzi giusti (da reperire in casa o altrove) per dare equilibrio ed alternative alla rosa. Buon Lavoro allora caro Ludi… La stagione calcistica di 12 anni fa cominciata nell’afa di Cantalupo Ligure tra le solite ristrettezze di quei tempi… ti sembrerà una passeggiata rispetto a quello che ti attende nel prossimo, caldissimo, mese e mezzo di operazioni… Forza Novara sempre!!!

Massimo Barbero

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
La Rosa attuale del Novara Calcio
• 25 azzurri sotto contratto
Acquisti/Cessioni
• il borsino del mercato azzurro
Amichevoli Estive 2018/2019
• i tabellini
Risoluzione Contratto...
• ...per Golubovic e Lukanovic
Ufficiale: Visconti in azzurro
• Il comunicato del Club
La Nostra Serie A
• 15 gennaio 2012 Cesena-Novara 3-1
Buona la prima!
• girandola di gol contro il Carrara '90
Ufficiale: Calderoni al Lecce
• il comunicato della Società


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel