www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: domenica 09 agosto 2020 - 23:25 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

L'editoriale Azzurro
Articoli correlati
Il Calcio ed un "protocollo" folle
• in attesa che il Ministro Spadafora trovi le giuste soluzioni
Campionato Serie C al via il 27 Settembre
• depositati tutti i documenti necessari all’iscrizione
domenica 29 dicembre 2019 - 10:50
di Massimo Barbero

Chi ha ancora impresso in mente il primo tempo giocato dal Novara contro la Juve Under 23 all’esordio in campionato può ben rendersi conto di quanto sia cresciuta la squadra di Banchieri negli ultimi quattro mesi. Quella sera per più di 45’, pur rischiando abbastanza poco, non l’avevamo mai vista.

I giovani bianconeri facevano continuamente girare palla a ridosso della nostra area in attesa di un pertugio che, prima o poi, sarebbe saltato fuori. O almeno di questo ne erano convinti gli ospiti…Invece quel Novara era tutto fuorchè arrendevole. Gli undici in maglia azzurra avevano subito conquistato il pubblico per la combattività messa sul terreno di gioco sin dalle battute iniziali.

Banchieri si era già dimostrato molto saggio nel chiedere ai suoi attenzione, abnegazione eppoi solo giocate semplici. Aveva saputo trasmettere alla squadra, a giocatori vecchi e nuovi, un entusiasmo contagioso. E la squadra l’aveva subito ritrasmesso ad un “Piola” ritrovato che nella ripresa avrebbe spinto gli azzurri verso un’affermazione, apparentemente fortunosa per come erano maturate le reti decisive, ma meritatissima se rapportata alla differente voglia di vincere sfoggiata dalle due contendenti.

Il Novara del primo mese era questo, solidissimo dietro ed in grado di rendersi pericoloso davanti quasi esclusivamente quando affrontava avversari disposti a lasciarci spazi importanti per le ripartenze (ricordate quante occasioni a Gozzano ed invece quanti sbadigli in casa contro Pergolettese ed Albinoleffe?).La “doccia gelata” con la Pro Vercelli ha cambiato in meglio il nostro modo di approcciare le partite.

Abbiamo preso l’abitudine di cominciare forte, di aggredire subito gli avversari. A Gorgonzola abbiamo creato occasioni in serie nel primo quarto d’ora… risultato… 2-0 per gli altri all’intervallo… perché il calcio è anche questo, talvolta beffardo ed illogico.Ma per fortuna Banchieri ed i suoi ragazzi non si sono mai fatti condizionare dai risultati e dalle parole di chi puntualmente mette sott’accusa il modulo dopo una sconfitta, magari episodica. Loro sapevano che il percorso di crescita intrapreso stava continuando e l’hanno dimostrato stordendo la Carrarese nel corso di un primo tempo ricco di occasioni e giocate illuminanti. Il tecnico “promosso” dalle giovanili ha portato in prima squadra lo spirito con cui si lavora con una formazione del vivaio. Si parte dalle basi, dalla solidità difensiva, da obiettivi semplici e concreti per prendere e trasmettere subito fiducia.

Ma nel frattempo si lavora parallelamente per migliorare singoli e collettivo, senza remore o tensioni di sorta.E’ rimasta però quella sulla truppa di Baldini l’unica vittoria in un ciclo di partite (6, di cui 3 perse di misura) nelle quali abbiamo indubbiamente raccolto meno di quanto seminato. Piscitella e Capanni nelle settimane centrali del girone d’andata erano un po’ l’emblema di una squadra che pareva aver smarrito la concretezza delle primissime giornate e che sembrava essere diventata prevedibile nel cercare insistentemente l’affondo servendo regolarmente palla ad esterni sempre più braccati dai marcatori avversari. La rinuncia quasi totale a Pablo ci aveva privato di un’importante alternativa a gara in corso accentuando il nostro difetto di non saper rimontare una volta in svantaggio.Dopo Alessandria qualche immancabile “cassandra” aveva ripreso a mettere nel mirino Banchieri che invece ha dimostrato alla resa dei conti, ancora una volta, di sapere bene il fatto suo. Il rilancio di Peralta ha ridato subito incisività al nostro reparto offensivo.

E soprattutto ha garantito un compagno di reparto con cui dialogare più da vicino a Bortolussi che puntualmente si è messo a segnare con continuità. Contro Como ed Olbia (6 punti) abbiamo racimolato più che nelle 6 gare precedenti (appena 5 punti in tutto) aggiustando classifica e morale.Le rimonte subite contro Arezzo e Pianese parevano un segnale di umanissima flessione. Ed invece il meglio doveva ancora venire. Contro Pro Patria e Siena abbiamo giocato probabilmente le due partite più belle dell’intero girone d’andata per intensità, consapevolezza e mentalità propositiva. La generosità e la convinzione di tutti ci hanno permesso di supportare un modulo parecchio offensivo e di mascherare persino la miniemergenza difensiva.

Da una panchina sempre ricca sono rispuntati Pablo ed anche il “desaparecido” Tartaglia a conferma di una rosa dalle mille risorse, nella quale nessuno molla mai di un millimetro anche quando il mister fa scelte diverse.Ma sarebbe ingeneroso parlare di singoli. La pagella di tutti gli azzurri impiegati nel girone d’andata non può andare che dal 7 in su.

Di contorno aggiungeteci una condizione fisica invidiabile (grande Stefano Pavon!) che sin qui ha consentito ai nostri di correre quasi sempre più degli altri nella mezzora finale di ogni partita, con pochissimi guai muscolari lungo il cammino. Senza dimenticare un comportamento impeccabile anche dal punto di vista disciplinare. Pogliano, per somma di cartellini, è risultato contro il Siena il primo giocatore del Novara squalificato in tutto il girone d’andata. L’anno scorso a Pistoia, per fare solo un esempio, abbiamo avuto 4 espulsi (di cui 2 dalla panchina) malgrado un pomeriggio in discesa sin dal 2-0 iniziale.Come ho definito ingeneroso parlare di singoli, ora sarebbe altrettanto ingeneroso scrivere di reparti da rinforzare.

Ovviamente questa rosa può essere migliorata. Anzi, deve essere migliorata se gli obiettivi della nuova proprietà nel medio-lungo periodo saranno realmente più ambiziosi di quelli dichiarati, con estremo realismo, dal duo Nespoli-Zebi la scorsa estate. Però qualsiasi ritocco, qualsiasi innesto più o meno importante, trascina con sè il rischio, se non calibrato bene, di intaccare la “magia” che si è venuta a creare in questi cinque mesi e mezzo bellissimi.Il Monza rappresenta un esame estremamente impegnativo per questo gruppo.

Ad inizio settembre, obiettivamente, non c’era stata partita al “Brianteo”. Tra due settimane vedremo se il gap si è davvero ridotto in questi mesi, come le ultime prestazioni azzurre ci fanno sperare e credere.Ah, il Monza… Un appello a tutti quelli che ripetevano negli anni e mesi scorsi “finchè c’è De Salvo, io allo stadio non ci torno più…”. Ora effettivamente abbiamo voltato pagina. Quale migliore occasione, allora, per tornare allo stadio? Possibilmente pronti a tifare fino alla fine, comunque vadano le cose contro un avversario “fuori categoria”.

Buon 2020 a tutti e Forza Novara sempre!!!

Massimo Barbero

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Dpcm, Gravina soddisfatto: "Primo passo per ripartire tutti"
• fonte: tuttoc
Calciomercato Estivo 2020
• acquisti/cessioni
Ufficiale: Zanetti S. nuovo mister della Berretti
• il comunicato del Club
Ghirelli lancia l'allarme: "Non ci si costringa a gesti pesanti"
• fonte: tuttoc
Il Calcio ed un "protocollo" folle
• in attesa che il Ministro Spadafora trovi le giuste soluzioni
Campionato Serie C al via il 27 Settembre
• depositati tutti i documenti necessari all’iscrizione
Mercato Novara Calcio: Paroutis verso Cipro
• si cerca anche il nuovo "Pinzauti"
L'editoriale Azzurro
• di Massimo Barbero


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel