www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: martedì 18 dicembre 2018 - 12:58 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

Quando la burocrazia uccide lo sport…
Articoli correlati
Guidetti: "Da tempo siamo su livelli alti, vittoria meritata"
• l'analisi del vice allenatore azzurro
Chi Sale/Chi Scende
• dopo Novara-Olbia
lunedì 08 gennaio 2018 - 21:39
Una storia che si ripete

E se un giorno ci imponessero di giocare un Novara-Pro Vercelli sul campo di Lumellogno perché il “Piola” di Viale Kennedy non viene più considerato sicuro?

Il paradosso suona azzardato, ma quello che sta succedendo nella realtà dell’hockey cittadino non è molto diverso da quest’ipotesi che, scritta così, pare un’idea ai confini della follia.

Provo a spiegarmi meglio riepilogando gli eventi per chi non conoscesse nel dettaglio la vicenda. La prima parte di questa triste commedia era andata in scena un anno fa, a fine gennaio 2017.

L’Azzurra (società fondata nel 2013 sulle ceneri dell’ultimo tentativo di rimettere in vita l’Hockey Novara) si stava disimpegnando bene nel nuovo campionato di A2 ed attendeva il primo, piccolo, bagno di folla della propria storia: il derby con l’Amatori Vercelli con al seguito un buon numero di tifosi. Anche i calciofili azzurri avevano cominciato a pregustare l’evento. Se ne parlava prima di prendere il volo per Trapani il sabato precedente. La concomitanza con la gara casalinga con il Pisa sembrava l’occasione propizia per riformare l’accoppiata stadio-palazzetto che accumunava molti di noi negli anni ottanta e novanta. Nessuno ovviamente immaginava un afflusso di pubblico simile ai tempi d’oro. Però c’era la fondata speranza di rivedere gli spalti (e la nostra curva) gremiti come in occasione dei due derby di A2 del 2011 (nell’era Effenbert) quando circa 1500-2000 persone erano tornate di colpo al “Dal Lago”. Sarebbe stato un premio meritato per chi dal 2013 porta avanti la tradizione dell’hockey cittadino per pura passione.

Inizialmente l’Osservatorio per ragioni di sicurezza (forse pensavano che qualche pisano si sarebbe fermato fino a sera dalle nostre parti???) aveva disposto il posticipo della partita di hockey alle 18 della domenica dando, in un certo senso, una sacralità ulteriore all’evento. La vera mazzata invece è arrivata nel primo pomeriggio del venerdì, a poco più di 48 ore dalla partita: gli organi competenti hanno stabilito che il “Dal Lago” non fosse più a norma e dunque il derby è stato rinviato a data da destinarsi.

Il recupero era andato in scena a fine febbraio nella limitata cornice del “PalaVerdi” con pochi biglietti in vendita, nessun ultras delle due squadre sugli spalti (in curva vale il motto “o tutti o nessuno”) infinite norme di sicurezza e tanti scontenti per le restrizioni che avevano negato l’ingresso perfino a qualche campionissimo. L’Azzurra aveva subito, in un colpo solo, un danno di immagine e di natura economica (mancato incasso nella sfida più attesa) di rilevante portata. Senza trascurare la delusione degli appassionati delle due città rivali.

Ci sono voluti 9 mesi (fino a metà ottobre) per rivedere la squadra di Mario Ferrari nella “Casa dell’hockey”: in quel palazzetto fatto costruire negli anni settanta proprio per questo sport e che nei momenti più belli poteva ospitare anche 5 mila persone tutte ammassate.Sembrava che l’incubo fosse finito.  Speravamo davvero si fosse trattato un sacrificio necessario per mettere finalmente a norma una struttura colpevolmente trascurata dalle amministrazioni comunali di diverso colore che si sono succedute negli anni (compresa la pessima scelta di affidare la gestione dell’impianto ad una società sportiva cittadina).

Invece l’ennesima doccia fredda è arrivata sabato sera alle 22.35 mentre chi scrive stava tornando, come altre decine di novaresi, da un derby di hockey ghiaccio (Ambri Piotta-Lugano) giocato in un impianto stracolmo di gente, tifo, entusiasmo ed allegria.

Lo scritto diffuso ai media, con grande amarezza, dall’Azzurra Hockey Novara e pubblicato anche su “ForzaNovara.net” annunciava infatti:  “Da quanto comunicatoci in chiusura del 2017 il Dal Lago necessita nuovamente di interventi strutturali sui parapetti, oltre ad una verifica dei carichi sospesi: tutto questo si traduce in nuovi lavori, che partiranno teoricamente tra il 15 e il 20 gennaio, e che chiaramente rendono la struttura non idonea ad ospitare un evento come il derby tra Azzurra Hockey Novara e Amatori Vercelli”.

Dunque con ogni probabilità anche il derby 2018 (in programma sabato 13 alle 20.45) si giocherà al PalaVerdi con restrizioni ancora tutte da decidere e/o comunicare. Guarda caso gli “interventi strutturali sui parapetti” e la “verifica dei carichi sospesi” sono stati programmati proprio nella settimana che precede l’arrivo dell’Amatori Vercelli! Che curiosa combinazione!

Esattamente come un anno fa… quando il Palazzetto era diventato di colpo “non a norma” proprio alla vigilia della calata dell’ex squadrone gialloverde.

Il doveroso rispetto per le autorità deputate ad emanare norme di sicurezza (e per il loro lavoro) soggiace, per chi scrive, ad un limite invalicabile. Ed è rappresentato dall’altrettanto doveroso rispetto per la gente di buon senso che si sente presa in giro quantomeno dalla tempistica di questa storia assurda, tutta italiana, anzi forse tutta novarese.C’erano una volta sindaci, questori, prefetti (e gente delegata all’uopo nei rispettivi uffici) capaci di assumersi le responsabilità che il delicatissimo ruolo assunto impone. Ora vige l’unica regola aurea del vietare il più possibile per non sbagliare mai.Da appassionato di hockey (e da cittadino) mi sento così offeso e ferito che potrei andare avanti per ore a scrivere. Mi fermo qui lasciando che ognuno si formi liberamente la propria opinione sull’argomento.

Ai tifosi dico di non mollare. Di continuare a vivere lo sport ed i pomeriggi in curva allo stadio o le serate al palazzetto con l’allegria di quando almeno negli impianti sportivi ci sentivamo come a casa nostra. Abbandonare vorrebbe dire darla vinta a questi signori che vogliono rovinarci anche i divertimenti più belli.

E’ lo stesso appello che faccio agli Amici dell’Azzurra (gente seria) ed a tutti i dirigenti di società sportive, novaresi e non, che per fare sport e far fare sport ai giovani sono obbligate quotidianamente ad uno slalom tra i paletti di una burocrazia sempre più assurda e distante dalla realtà.Non mollate perché il giorno che otterrete una grande vittoria… sarà dolce ritrovare accanto sul fatidico carro proprio quelle “autorità” (fate un giro al PalaIgor per rendervene conto in concreto…) che oggi vi voltano le spalle. Con la possibilità magari, se lo vorrete, di spingerle giù…

Massimo Barbero

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Il Video della Conferenza Stampa...
• ...di Pablo Gonzalez (Novaracalcio.com)
Un martedì a tinte azzurre
• Conferenza stampa di Gonzalez e visite mediche per Buzzegoli
L'editoriale Azzurro
• di Massimo Barbero
Il ritorno di Daniele Buzzegoli!
• ritorna a casa un altro Cuore Azzurro...
Lutto Felice Pulici
• il cordoglio del Novara Calcio
Guidetti: "Da tempo siamo su livelli alti, vittoria meritata"
• l'analisi del vice allenatore azzurro
Chi Sale/Chi Scende
• dopo Novara-Olbia
Poker azzurro: Olbia battuto
• Dopo 5 pareggi torna la vittoria


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel