HOME

RISULTATI

CLASSIFICA

CALENDARIO

SQUADRA

STAFF TECNICO

SOCIETA'

STORIA

STADIO PIOLA

JUNIORES

NAZIONALI

  MURO

REDAZIONE

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: mercoledý 08 dicembre 2021 - 17:26 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

.

.

.

La tabaccheria del tifoso


.

» TUTTE LE NEWS

   NOVARA FC
   EDITORIALI
   INTERVISTE
   CALCIO MERCATO
   INFO DAI TIFOSI
   ARCHIVIO FOTO
   IL FEDELISSIMO
   RADIO AZZURRA
 

» SPECIALI

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord

..
.PP
.P


.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31







.


Cu Povri Fieu la'!
Articoli correlati
Vuthaj "siamo forti e miglioreremo presto"
• il pensiero dell'attaccante azzurro oggi in gol
Mister Marchionni nel post gara
• l'analisi del tecnico azzurro
lunedý 04 maggio 2020 - 17:38
di Gianni Negri

RICEVIAMO UN ALTRO PREZIOSO CONTRIBUTO DALL'AMICO GIANNI NEGRI CHE CI RACCONTA DI QUANDO ALCUNI PROTAGONISTI DEL GRANDE TORINO FECERO CAPOLINO A GRAVELLONA LOMELLINA PER UNA GRANDE GIORNATA DI SPORT

Oggi è il 04 Maggio ed è una stupenda giornata di sole e dal Santuario della Madonna di San Zeno si godrà sicuramente di una veduta da incanto sulla catena delle Alpi ma “quel” 04 Maggio tutto il Nord d’Italia era immerso in nubi scure e minacciose, ovunque vi erano temporali e vento.

Anche sulla strada che da Vigevano porta a Gravellona c’era una vera e propria tempesta d’acqua e le ragazze (le nostre mamme per intenderci) che tornavano da una lunga giornata di lavoro nei calzaturifici vigevanesi faticavano a pedalare contro vento ed a ripararsi dalla pioggia coi loro ombrelli resi sbilenchi dalla furia degli elementi.

Alla fine di tanti sforzi, inzuppate di pioggia, esse giunsero finalmente in Piazza Delucca dove come ogni sera i loro murùs le attendevano per accompagnarle fino alla soglia di casa ma quella sera intuirono immediatamente dai volti e dal mesto silenzio dei giovanotti che c’era qualcosa di grave nell’aria; molti di loro avevano gli occhi gonfi di lacrime, qualcuno di essi aveva l’ombrello chiuso ed era completamente fradicio mischiando le lacrime alla pioggia.

Le ragazze frenarono quasi di colpo, tutte scesero dalle rispettive biciclette e si avvicinarono ai ragazzi a passo lento, timorose di apprendere l’accaduto quando uno di essi abbracciando la propria fidanzata e stringendosela al petto gridò: “E’ caduto l’aereo del Torino, cù pòvri fieu là a’ in mort tucc!”.

Si ritrovarono tutti stretti a piangere sotto la pioggia battente, incuranti del freddo che penetrava sempre più nelle loro ossa e soprattutto nei loro cuori; se ne stavano impietriti in Piazza, davanti al Monumento ai Caduti e ciò che stavano vivendo sembrava loro un grande incubo.

I volti ed i nomi di ogni giocatore del Torino ripassarono davanti ai loro occhi e risuonarono nelle loro orecchie, Bacigalupo, Ballarin,Maroso,Menti,Ossola,Castigliano,Grezar,Loik,Gabetto,Mazzola,Rigamonti tutti d’un fiato, tutti insieme di nuovo, per sempre, coi loro nomi recitati come una lirica, indimenticabili.

I componenti di quello che sarebbe passato alla storia come “Il Grande Torino”, la squadra più forte al mondo nella propria epoca, quei giovani uomini che solamente otto mesi prima avevano calcato il nostro amato campo della Rumanae per una partita amichevole in occasione della Festa Patronale di Gravellona non c’erano più, li aveva rapiti un boato assordante là sulla collina di Superga, ai piedi della Basilica dove ora riposano per sempre; stavano tornando da una partita amichevole giocata a Lisbona per aiutare economicamente il capitano del Benfica che doveva smettere di giocare e doveva sbarcare il lunario perché all’epoca anche i più grandi calciatori non guadagnavano certamente di più che un impiegato.

Nel portafogli di Valerio Bacigalupo, al quale il nostro Giuseppe Barbavara segnò un goal nell’amichevole del 1948, i pompieri trovarono la foto di Lucidio “Cochi” Sentimenti, il portiere della Juventus.

Quella foto era insieme a quelle dei genitori e del fratello di Bacigalupo, le foto delle persone a lui più care. Cose di altri tempi che però ci fanno capire lo spessore dei protagonisti.

Ho voluto raccontarvi questa storia perché quei giovani di Gravellona che piangevano in Piazza a Gravellona amavano quei grandi campioni che rappresentarono la capacità di riscossa di un popolo uscito distrutto da una guerra, anche se la propria squadra del cuore era un’altra.

Mia mamma, che mi raccontò quell’episodio, in occasione del 04 Maggio 2010, poco prima di morire, vedendo in televisione il servizio commemorativo del Grande Torino esclamò ancora con gli occhi lucidi: “Cù pòvri fieu là!”.

.


.

 Seguici su Facebook

.

 
.

.

.

» ULTIME NEWS
Marchionni: "Un successo del gruppo..."
• Le dichiarazioni del Mister al termine Novara-Lavagnese
Il tabellino di Novara-Lavagnese
• Tutti i numeri del match
Le formazioni ufficiali di Novara-Lavagnese
• Le scelte di Marchionni e Fasano
Novara-Lavagnese, si gioca!
• E' stato deciso che la gara si disputerÓ regolarmente
La Probabile Formazione Azzurra
• In vista di Novara-Lavagnese
I Convocati Azzurri
• In 21 per la sfida contro la Lavagnese

DATE DA RICORDARE
E' nato il NOVARA FC
• In mattinata la firma dell'atto notarile
Distrutti 113 anni di storia!
• tanti i responsabili di questo scempio
Il sogno si Ŕ avverato: SERIE A !!!
• Un traguardo storico
Ora non Ŕ piu' un sogno: SERIE B !!!
• Un lungo sogno che si Ŕ avverato


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 


  Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                         Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato alla squadra di calcio della città di Novara e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara on line dal 2000 da un'idea di Carlo Magretti  -  email: redazione@forzanovara.net 
All Rights Reserved - Copyright
© 2000-2025