www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: mercoledì 22 agosto 2018 - 06:13 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

L'editoriale Azzurro
Articoli correlati
Daniele Cacia per il dopo Maniero?
• e con Simeri in uscita, si valuta anche Rosseti
Amichevole Berretti Novara
• Baveno corsaro per 2-3
domenica 29 luglio 2018 - 18:33
di Massimo Barbero

Più ripenso alla questione ripescaggi e più mi convinco che il Presidente del Novara meriterebbe un plauso proprio dai suoi colleghi e dagli addetti ai lavori che oggi sbraitano per un posto al sole (anzi per un posto nella prossima serie B).

Perché è stato l’unico ad aver avuto il coraggio e la prontezza di impugnare dei criteri che non stanno né in cielo né in terra, scritti con un’approssimazione che fa rabbrividire.Continuo ad aprire e sfogliare il Comunicato Ufficiale n. 54 del 30 maggio 2018 e ad esempio non trovo traccia di preclusioni per società condannate per violazioni come quella appena contestate al Foggia e/o al Cesena. Loro sì che sarebbero ripescabili sin dalla prossima estate (o anche oggi, al ricorrere delle altre condizioni…), malgrado un -8 o -15 in classifica nello stesso campionato. Non lo era invece, prima del ricorso vinto, il Novara per un -2 inflitto per un Irpef “compensata” (e dunque non versata secondo le scadenze federali) ad aprile 2015!

Negli stessi giorni in cui il Brescia veniva ripescato in B malgrado una penalizzazione di 6 punti (per violazioni amministrative) comminata nel campionato 2014-15 finito con la retrocessione. E che mi dite della povera Reggiana? Se Mike Piazza (o qualche compratore) avesse avuto il buon gusto di iscriverla al campionato in extremis… sarebbe stata tra le ripescabili (probabilmente risultando davanti in graduatoria alla Pro Vercelli per esempio) nonostante non avesse rispettato le scadenze di fine giugno. Perché il Comunicato Ufficiale n. 54 del 30 maggio 2018 che la Figc si ostina a difendere non escludeva (e non esclude) dai ripescaggi chi le violazioni amministrative le ha appena commesse e le sconterà nella stagione che sta per cominciare… Che paradosso!!!In altri sport, più poveri e meno nobili, non si azzardano ad improvvisarsi giuristi di colpo, a scimmiottare certe logiche tratte dagli sport di squadra americani.

Applicano la legge del campo, con lo scorrimento della classifica. Nel mio amato hockey pista… ci hanno messo 2 giorni a ripescare l’Azzurra, prima della retrocesse, a seguito della rinuncia del Giovinazzo. Se Novara avesse detto “NO” avrebbero chiesto al Seregno… eppoi alla prima delle “non promosse”. E via via… Troppo semplice? Perché non fare così anche nel calcio? “Il Cesena non si è iscritto… Gozzi te la senti di prendere il suo posto?” “E a te De Salvo… va di partecipare alla prossima serie B… visto che nemmeno il Bari ce l’ha fatta?” A seguito di risposta affermativa… si concederebbe un termine per presentare la domanda con annessa documentazione e conseguenti oneri. Poi il via libera, senza bisogno di spostare calendari, date, appuntamenti. Si sarebbe potuto fare tutto per tempo, magari con un x al posto dell’Avellino (che deve ancora discutere il proprio ricorso) e la Pro Vercelli in preallarme.

L’alternativa? Una norma chiara, completa, ben scritta, analizzata ed approvata da esperti di diritto sportivo, redatta lontano da contingenti interessi di parte e da tensioni immediate di classifica. E destinata a non cambiare da una stagione all’altra perché i ripescaggi in B e in C nel nostro calcio malato non sono più un’eccezione, ma ormai la costante di quasi ogni estate. Con le regole in vigore nel 2014 e nel 2015 il Novara oggi non avrebbe avuto bisogno di fare ricorso per essere in testa alla classifica delle ripescabili. Cos’è cambiato da allora? Perché decidere i criteri per i ripescaggi a fine stagione ad elenchi di promosse e retrocesse quasi completi e non nel settembre precedente quando tutto è ancora sportivamente in discussione? E’ un po’ come se disputassimo l’intero campionato e solo alla fine (o verso la fine) venisse deciso se retrocederanno 3 o 5 squadre, oppure se si disputeranno i play out o meno. Si legge proprio nella decisione del Tribunale Federale riguardo al comunicato oggetto del ricorso del Novara che “il provvedimento impugnato è stato emanato alla fine della stagione sportiva e nel momento in cui, pertanto, l’organo federale è già a conoscenza delle Società che si trovano nelle predette condizioni”.

Dov’erano gli altri presidenti quando la Figc pubblicava il Comunicato Ufficiale n. 54 del 30 maggio 2018? E quando il Presidente della Lega di B, a metà giugno, ne criticava il contenuto ritenendo “incerta, irragionevole ed illogica l’intera disciplina”? Erano dediti alla pennica estiva in spiaggia con tanto di gin tonic da sorseggiare? Forse allora ci sarebbe stato ancora modo e spazio per un “tavolo comune”, per correggere le norme per tempo, affidandosi alla ragioni dello sport e del buon senso e non all’alea dei Tribunali.In questi giorni sta passando il principio del “più siamo e più vinciamo”. Più avellinesi andranno martedì al Collegio di Garanzia del Coni maggiori saranno le speranze per il presidente (pa)Taccone di uscirne indenne anche stavolta? La Ternana ha ingaggiato la bellezza di ben 4 avvocati per preparare il ricorso… non ne bastava uno? Mi fa un po’ tenerezza questa corsa all’amministrativista da parte degli umbri… come se ci fosse chissà quale questione da dibattere e diritto da rivendicare… e non semplicemente da scegliere la squadra/le squadre meritevole/i di partecipare al prossimo campionato di B… Sono “giusti” (sportivamente parlando) dei criteri che premierebbero l’ultima in classifica che ha perso le ultime 5 partite della stagione appena conclusa a dispetto delle squadre che le sono arrivate davanti e che si sono comunque giocate la salvezza fino all’ultimo minuto di recupero dell’ultima partita? E’ “giusto” che un presidente come Gozzi che ha promesso investimenti e riscatto sin dal giorno successivo ai play out finisca nella graduatoria delle ripescabili (sempre a dispetto della classifica) alle spalle di un collega come Secondo che il 22 maggio annunciava queste prospettive per la propria società:
“Lascio la Pro Vercelli. Se entro il 30 giugno non si farà vivo nessuno… formalizzerò un’iscrizione tecnica, senza mercato in entrata. Se nessuno prenderà il mio posto tra un anno… non iscriverò la squadra”?.

E’ “giusto” che la questione dei ripescaggi si trasformi mercoledì prossimo in una battaglia tra avvocati tra tecnicismi, eccezioni e controeccezioni che determineranno chi avrà il diritto di andare o meno in B? Non sarebbe meglio far prevalere buonsenso e ragioni dello sport? La “purezza”, più volte sbandierata in conferenza stampa in questi giorni dai nuovi dirigenti della Ternana, cozza un po’ con i guai giudiziari dell’ex patron Longarini (che ha ceduto le quote all’attuale gruppo dirigente nell’estate 2017) a cui sono stati appena sequestrati 55 milioni di euro (!!!) nel corso di un indagine condotta dalla Procura di Milano. Il Novara non gode di un ripescaggio da ben 28 anni. All’epoca, erano appena finiti i Mondiali del 1990, internet non esisteva neppure… e probabilmente i comunicati federali arrivavano a mezzo fax direttamente alla società interessate. Io appresi la bella notizia al mare, da una telefonata di mio padre sull’apparecchio fisso che avevamo in quella casa e che poteva solo ricevere. Per dare un’idea di quanto tempo sia passato… l’amico Massara che segue assiduamente il Novara Calcio per “La Stampa” da almeno 5 stagioni… in quei giorni non era nemmeno nato…

Il buon Secondo invece  ha iniziato la sua scalata alla guida della Pro Vercelli (già Pro Belvedere) fruendo di 2 ripescaggi consecutivi (in barba alla regola dei 5 anni che dovrebbero passare tra un ripescaggio e l’altro): nel 2010 in seconda divisione quando aveva perso i play out con il Mezzocorona di Erbetta e nel 2011 in prima divisione dopo la sconfitta nei play off con la Pro Patria.Onestamente però questo derby a suon di “carte bollate” e di eccezioni “sbandierate” sui  “forum” e su qualche testata on line non mi appassiona. Preferirei giocarne uno sul campo, a costo di perderlo come purtroppo ci è capitato di recente quando oltretutto avevamo anche meritato la sconfitta. Almeno sarebbe una sfida vera, reale e dal contorno comunque divertente…Peraltro, tornando al nostro orticello, se il calcio non fosse diventato quel mondo schizzofrenico nel quale bisogna fare sempre tutto e subito… un po’ di serie C non farebbe male a nessuno, tantomeno a chi se l’è meritata sul campo. Per noi sarebbe l’occasione per crescere e lanciare per gradi i nostri giovani “svezzati” da Terni e Gattuso ed ormai (quasi) pronti per il grande salto. Per creare una base tecnica ed umana (a costi sostenibili) su cui costruire nel giro di 3-4 anni un gruppo vincente in grado di far tornare l’entusiasmo ad una piazza giustamente delusa.

Sarebbe l’occasione per ripartire daccapo, come nel 2007, con nuovi stimoli e prospettive ambiziose da crescere e coltivare nel breve-medio periodo, cercando di essere competitivi sin da subito, ma senza mai dimenticare equilibrio e razionalità gestionale. Scrivo sarebbe perché so benissimo cosa vuol dire serie C per una società: costi che rischiano di soffocare chi si era abituato a fruire di ben altri introiti, procuratori che ti tirano per la giacca pretendendo la cessione immediata del proprio assistito, genitori che ti portano via di colpo il loro “piccolo campione” perché non sopportano l’onta di vederlo relegato da tornei giovanili non di primissimo piano, ex spettatori paganti che preferiscono CR7 in tv ad una sfida con il Renate da gustarsi dal vivo.Tra meno di una settimana sapremo finalmente (almeno lo spero) ciò che ci attende ed in qualsiasi caso potremo tirare la fatidica riga per ricominciare daccapo a scrivere un nuovo capitolo, il più possibile azzurro. Comunque vada alla Caf ed in Federcalcio… le tre parole magiche restano e resteranno sempre le stesse…

Forza Novara sempre!!!

Massimo Barbero

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Due amichevoli in programma per il Novara
• venerdì e sabato mattina
Collodel-Vibonese: c'è l'ok
• Trasferimento a titolo temporaneo
Novara: sottoscritti 660 abbonamenti
• di cui 365 in CN
Tommasi "Opportuno rinviare le prime due giornate di B"
• fonte: tuttomercatoweb
Daniele Cacia per il dopo Maniero?
• e con Simeri in uscita, si valuta anche Rosseti
Amichevole Berretti Novara
• Baveno corsaro per 2-3
La Settimana degli Azzurri
• venerdì pomeriggio, amichevole a Omegna
L'editoriale Azzurro
• di Massimo Barbero


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel