www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: domenica 31 maggio 2020 - 08:13 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

4 maggio 1949, 71 anni fa...
Articoli correlati
Un vecchissimo ricordo: la Coppa Meneghetti-Marucco del 1944
• di Gianfranco Capra
Le decisioni del Cons.Diret. Lega Pro
• su playoff, playout, prime 3 in B, ultime 3 in D
lunedì 04 maggio 2020 - 09:00
di Gianfranco Capra

L’hanno già raccontata un milione di volte questa vicenda diventata ormai storia. Ma io la ricordo come se fosse ieri.

Il 30 aprile 1949 il Novara, allo stadio di via Alcarotti, aveva battuto 2-1 la Roma di Losi e Maestrelli. Una bella partita maschia con reti di Piola e Renica che aveva ribaltato il vantaggio iniziale dei giallorossi, segnato dal rumeno Radu.

Con quel successo la squadra azzurra si avviava a conquistare la sua prima entusiasmante salvezza in serie “A”.

Era il 4 maggio del 1949. Frequentavo le medie al Duca d’Aosta”, e si giocava il torneo ragazzi di don Aldo Mercoli.

Una giornata buia, non fredda, ma inquieta. Nella grande casa di ringhiera Barozzi di largo san Martino tutti ascoltavamo la radio, anche se qualcuno indugiava ancora in cortile per due chiacchiere prima della sera.

All’improvviso, erano circa le otto di sera, arrivò via radio una notizia sconvolgente. L’aereo con tutta la squadra del Torino si era schiantato contro la collina di Superga, sentinella della città sabauda.
Tornavano da una partita amichevole giocata a Lisbona per omaggiare il capitano lusitano Ferreira.

Le prime notizie erano incerte, frammentarie, poi via via i cronisti della radio diventavano sempre più precisi e angosciosi. Precisavano i momenti dello schianto, forse per un errore del pilota.

"Qualcuno si è salvato?" Si domandavano le mamme, che avevano iniziato a piangere a dirotto. "Forse uno o due". "Ma quanti erano?"

Tutta la squadra del Torino con dirigenti, tecnici, giornalisti e l’equipaggio. Tutti morti: 31 vittime.

La tragedia diventò collettiva, si accesero tutte le luci del largo san Martino. Mia mamma piangeva, mio padre era atterrito. Io piangevo perchè avevo visto giocare il Torino allo stadio di via Alcarotti nel novembre del 1948. 2-0 gol di Giuliano e Loik.

E poi perchè il Torino lo conoscevano tutti, anche quelli che non sapevano se il pallone fosse rotondo o quadrato.

Mia mamma continuava a piangere “poveri ragazzi, così giovani!

Il Torino era uno dei simboli sportivi d’Italia, struttura portante della Nazionale. I nomi di Valentino Mazzola, Gabetto, Bacigalupo, Maroso, Castigliano, ecc.

Erano famosi, come quelli del cinema. Forse di più.

Ogni mercoledì “Il calcio illustrato” vantava le gesta di questi campioni che avevano dato un po’ di gioia all’Italia stremata del dopoguerra.

Era il 4 maggio del 1949, un mercoledì maledetto.

Quella notte io non riuscii a prendere sonno. Mi avevano strappato un pezzo di cuore.

Gianfranco Capra

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Sett.Giovanile: pronta l'era Marco Rigoni
• verso la nomina ufficiale
"Giusto avere promozioni e retrocessioni"
• fonte: tuttoc
Carlo Magretti lascia il Novara Calcio
• Per undici anni, Responsabile della Comunicazione azzurra
Direttivo Lega Pro: idea playoff volontari con retrocessioni
• fonte: tuttoc
Un vecchissimo ricordo: la Coppa Meneghetti-Marucco del 1944
• di Gianfranco Capra
Le decisioni del Cons.Diret. Lega Pro
• su playoff, playout, prime 3 in B, ultime 3 in D
L'editoriale Azzurro
• di Massimo Barbero
Novara: Mauro Borghetti ai saluti
• si divideranno, dopo 9 anni, le strade tra il dirigente e la maglia azzurra


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel