www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: venerdì 14 dicembre 2018 - 09:00 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

4 chiacchiere con... Fabio Scienza
Articoli correlati
Lettera del Presidente Massimo De Salvo
• fonte: Novaracalcio.com
Boscaglia:"Una gara con troppi errori nostri"
• L'analisi dell'allenatore ospite
giovedì 18 novembre 2010 - 10:54
di Massimo Corsano

Massimo Corsano ha incontrato l’ex giocatore azzurro Fabio Scienza, in un interessante confronto tra il suo Novara (della metà anni ’80) e quello attuale.

Fabio Scienza (nella foto a destra, assieme a Corsano) nasce a Breme Lomellina (PV) il 27/02/1962. Inizia la sua carriera con la Biellese nella stagione 1980/81, rimanendo anche quella seguente e giocando tra C1 e C2. Nel campionato 1982/83 arriva a Novara dove rimane per tre stagioni, al termine delle quali passa all'Ancona in C1. L'anno successivo ritorna a Novara dove si fermerà fino al campionato 1986/87 sfiorando la promozione in C1 per un solo punto. Ben diverso il traguardo raggiunto l’annata susseguente, quando raggiunge la salvezza all'ultima giornata sempre con gli azzurri contro il Sassuolo. Il destino lo porta a giocare dapprima a Legnano e poi con la Juve Domo in C2. Due anni di permanenza con l’Alzano Virescit ed il ritorno in maglia lilla (Legnano) nella stagione 1992/93 sempre in C2. Chiude la sua carriera col Borgosesia, dove giocherà addirittura fino al 1999, alternandosi fra C2 e serie D. Talento naturale ed eterno numero sette per i tifosi novaresi, avrebbe meritato di giocare in categorie ben superiori. Attualmente è direttore sportivo del Gozzano e ha inoltre un negozio di articoli sportivi a Borgomanero.

I tifosi azzurri di vecchia data serbano ancora un ricordo molto lieto della stagione 1986/87, quando con la maglia azzurra Fabio Scienza sfiorò la promozione nella ex serie C1. “E' stata una stagione stupenda, l'unico rammarico è per quella mancata promozione dopo un anno condotto alla grande (dove siamo stati quasi sempre in testa), per un punto perso in casa nello scontro diretto col Derthona. A contribuire all’insuccesso, a mio personale avviso, anche il pareggio interno per 0-0 a tre giornate dal termine con la Sanremese già retrocessa (N.d.R. vennero promosse al termine del campionato Torres e, per l’appunto, il Derthona). E' stato un misto di sensazioni belle e brutte, dove purtroppo il finale è risultato amaro”.

Tanti ricordi, ma soprattutto numerosi i momenti belli trascorsi sotto la Cupola. “I primi anni restano sicuramente quelli più intensi; arrivavo da due belle stagioni a Biella, la società azzurra fece di tutto per prendermi e per me – novarese d’adozione – fu una grandissima soddisfazione. Il mio esordio coincise con una doppietta di fronte al pubblico amico in una gara di campionato contro il Pergocrema. Questo episodio mi aiutò a conquistare subito la fiducia della società e diventare un beniamino fra la tifoseria. Il quarto anno è quello della mancata promozione, bello fin che si vuole… ma quell'amarezza a distanza di anni mi è rimasta ancora dentro”.

Ma qual è il giocatore del Novara di oggi che somiglia di più a Scienza ? “Credo Cristian Bertani, abbiamo molte caratteristiche in comune anche se lui, adesso, sta facendo cose importanti in una categoria di altissimo livello. Trovo soltanto strano che sia arrivato in serie B alla soglia dei trent’anni, avrebbe meritato certamente di giungerci molto prima. L’augurio che gli posso inviare è quello di un ulteriore salto di categoria, ovviamente con la maglia azzurra…”.

Fabio Scienza si sbilancia sulle possibilità dell’attuale Novara. “Ha tutte le carte in regola per far bene, a partire dall'organizzazione a livello societario fino a giungere ad una rosa molto competitiva, con un particolare riferimento all'allenatore ed al suo staff che reputo altamente competitivo. I presupposti sono molto favorevoli per raggiungere un traguardo storico”.

Fabio Scienza ha riprovato il 17 settembre scorso a “Novarello”, dopo tanto tempo, l’emozione di indossare nuovamente la maglia del Novara. “E' sempre una grossa emozione vestire la maglia azzurra, mi era  già capitato cinque anni prima, sempre in un torneo di vecchie glorie, però lo scorso settembre è avvenuto a “Novarello” che reputo sempre come una seconda casa. Inoltre, ritrovare compagni di vecchia data con i quali avevo giocato assieme, ha suscitato in me sensazioni speciali. Ho avuto anche modo di ritrovare Dolcetti, con il quale non avevo più avuto occasione di parlare da tanti anni”.

Come tutti anche Fabio Scienza ha un suo particolare “sogno nel cassetto” legato alla sua passione calcistica. “In questo momento sto svolgendo il ruolo di DS del Gozzano in eccellenza, siamo primi ed il nostro obbiettivo è quello di arrivare nelle prime tre posizioni. Sono molto soddisfatto e spero, ovviamente, di riuscire a centrare l’obiettivo prefissato”.

Fabio Scienza conosce il sito forzanovara.net e vuole lasciare un messaggio ai suoi lettori.
“Più che un messaggio il mio è un augurio. Quello di essere partecipi con la squadra e vivere insieme ai giocatori le emozioni di questa stagione. Negli anni in cui giocavo io sotto quest’aspetto vi erano molte carenze, complice una serie abbastanza prolungata di stagioni deludenti. Oggi, per fortuna, si nota un grosso attaccamento della tifoseria per il Novara, un'euforia generale che ha contagiato l’intera città, in virtù della vittoria nello scorso campionato e dei risultati che i ragazzi stanno brillantemente ottenendo in questo. L'augurio più bello a cui tutti noi in cuor nostro aspiriamo, è quello di ritrovare l’anno prossimo il Novara in serie A. I giocatori lo meriterebbero per l’impegno e la passione e rappresenterebbe l’avverarsi di un sogno atteso da tanti (troppi) anni”

Massimo Corsano

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Tegola Di Gregorio: 3 giornate di squalifica
• 2 turni di stop per mister Viali
Coppa Italia: Lazio-Novara
• Sabato 12 Gennaio ore 15:00
Siena-Novara in anticipo TV
• sabato 22/12 alle ore 20.45
Designazioni Arbitrali Girone A
• Panettella per Novara-Olbia
La Juventus compra il Novara?
• la smentita del club azzurro
Di Gregorio espulso dopo il triplice fischio finale...
• ...insieme a Prestia dell'Alessandria
Viali: “Avremmo dovuto segnare su rigore”
• l'analisi del tecnico azzurro
Alessandria-Novara 1-1
• il tabellino del match


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel