www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: lunedì 10 dicembre 2018 - 19:01 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

L'intervista a Raffaele Rubino
Articoli correlati
Lettera del Presidente Massimo De Salvo
• fonte: Novaracalcio.com
Boscaglia:"Una gara con troppi errori nostri"
• L'analisi dell'allenatore ospite
giovedì 09 dicembre 2010 - 07:52
di Alberto Battimo

Vive per segnare, gioca con il cuore e ama il Novara Calcio. Pronto a mettersi sempre al servizio della squadra e del mister, ad aiutare i suoi compagni e a togliersi qualche bella soddisfazione. Inoltre, aspetto molto importante, non dimentica mai la solidarietà, insomma è il Capitano… Raffaele Rubino.

Non si può cominciare l’intervista senza farti i complimenti per il risultato personale raggiunto grazie alla doppietta contro il Crotone: grazie alle 71 reti con la maglia del Novara hai rafforzato il tuo terzo posto tra i migliori marcatori di sempre del Novara Calcio ! Ancora 15 reti e raggiungeresti un certo Silvio Piola al secondo posto. A livello personale è questo il tuo obiettivo principale o le priorità sono altre ? “ La priorità è ottenere delle vittorie collettive poi logicamente tutto si sussegue: nel momento in cui riuscissi, con più calma e con più tempo, a raggiungere degli obiettivi importanti, vuol dire che l’unico a trarne vantaggio sarà il Novara Calcio e ci tengo molto al fatto che il mio contributo possa aiutare la squadra a raggiungere un obiettivo comune. Creare questo parallelo con Silvio Piola mi può solo far piacere, sono dei sogni che mi gratificano e nello stesso tempo mi lasciano il piacere e la sensazione, un domani, di essere ricordato anch’io nella classifica marcatori di tutti i tempi insieme a quei nomi. Posso ancora dire la mia visto che sono ancora in corsa per questa classifica, ma quando finirà rimarrà un ricordo piacevole. Segnare regala sempre nuove emozioni, le reti mi aiutano a vivere e raggiungere traguardi importanti. Se vogliamo trovare un altro obiettivo personale sarebbe quello di raggiungere le 200 presenze con la maglia Azzurra: un piccolo traguardo a cui tengo molto ”.

Come vivi il tuo ruolo di Capitano e punto di riferimento dello spogliatoio e quali sono gli atteggiamenti e i comportamenti che un giocatore cardine come te deve possedere ? “ Essere il capitano di una squadra significa avere responsabilità, sia in campo che fuori. Ciò vuol dire saper gestire le eventuali problematiche all’interno dello spogliatoio, aiutare i nuovi arrivati, confrontarsi con i compagni ecc… tutto questo per remare tutti verso un’unica direzione. E’ un ruolo anche di comunicazione tra noi giocatori e la società stessa ed è anche un punto di riferimento per la città. Può succedere che alcuni compagni, arrivati da poco, non sappiano dove andare, cosa fare per trovare alloggio da qualche parte e in questi casi il capitano può anche essere da guida sotto questo aspetto. Sono tante le cose che un capitano deve saper gestire ma non dimentichiamo che il suo ruolo è fondamentale durante le partite, saper testimoniare la propria presenza in modo da far capire, in particolare ai giovani e ai nuovi arrivati, la tipologia di atteggiamento che a noi piace avere. Per “noi” intendo i giocatori che sono a Novara da tanto tempo in modo da trasmettere quella mentalità vera, di spogliatoio e di gruppo e quindi entrare in campo sempre concentrati, sempre presenti, dare sempre il massimo ed essere da esempio per tutti ”.

La squadra viaggia a vele spiegate: ancora non è terminato il girone di andata e aver messo in cascina già 40 punti rappresenta un grande risultato. In più il Novara è la squadra con più vittorie, 12, con più reti segnate, 37, ed è, insieme al Varese, la meno battuta del campionato con soli 13 reti subite. Ogni volta che scendete in campo dispensate ottimo calcio dal punto di vista dello spettacolo ma anche grande cuore e sacrificio. Non è riduttivo definire ancora la salvezza l’obiettivo principale ? “ Guardiamo la classifica con rispetto, consapevoli che raggiungere questi punti in questo periodo non è cosa da poco. Ci rispettiamo, ma la cosa che ci elogia di più è che tutti gli avversari ci rispettano, non siamo una squadra che passa inosservata. Questo deve essere un motivo di orgoglio e prestigio per noi e per la società perché essere rispettati nella categoria vuol dire tanto secondo me. Non pensiamo troppo oltre, perché ci siamo guadagnati questo rispetto partita dopo partita ed è la stessa mentalità che ci portiamo dietro per affrontare ogni match. Personalmente non mi piace pormi degli obiettivi perché non mi sembra corretto e sotto certi aspetti diventa anche lesivo arrivare a fine campionato e non raggiungere l’obiettivo prefissato. Profilo basso e seguiamo il nostro cammino anche se siamo consapevoli di essere vicini alla salvezza, però non vorrei scottarmi a fine campionato e quindi godiamoci questo girone d’andata perché ci sarà utile per le partite di ritorno ”.

Il prossimo match è la trasferta di Frosinone. Ogni partita sarà sempre più complicata delle precedenti visto che ormai è nota a tutti la forza di questo Novara. Possiamo dire che oltre al Frosinone il Novara avrà un altro avversario da affrontare che è il lungo viaggio. In futuro dovrà farne altri di più chilometrici ma quanto può influire secondo te lo stress da viaggio sulla prestazione di una squadra ? Reggina e Crotone sono svantaggiate ?
“ Per Reggina e Crotone è diventata ormai una questione di abitudine perchè ogni 15 giorni sono sempre costretti a viaggiare per lunghi tratti. Per noi, come tutte le squadre del resto, possono pesare le trasferte, ancora di più quando si gioca ogni tre giorni e si presenta un clima come in questi tempi. Sono condizioni che purtroppo e per fortuna, noi calciatori siamo abituati a vivere e sappiamo ormai come ammortizzarle. A Frosinone andremo in aereo, questo sicuramente ci ridurrà il tempo di arrivo. Approfittiamo spesso della giornata di ritiro per riprenderci dallo stress del viaggio in modo da arrivare alla partita successiva nelle migliori condizioni possibili. Fa parte del nostro lavoro, certo un viaggio fatto male  e stressante può anche influire però a noi non è mai capitato e questo è anche grazie alla gestione della società che organizza al meglio queste trasferte, permettendo a noi giocatori di non risentire della stanchezza del viaggio o comunque di recuperare in tempo per il match ”.

Novara prima in serie B… Novara prima nella solidarietà. Da anni sono numerose le iniziative e gli incontri con voi giocatori per sensibilizzare la città ed aiutare ospedali e varie compagnie socio-sanitarie ad ottenere strutture tecniche e non, necessarie a salvare la vita a numerosi pazienti: un plauso va a tutta la squadra per questo cammino intrapreso. Che emozioni si provano ? “ Io sono una persona molto sensibile e, a volte, faccio fatica ad immedesimarmi nei problemi che esistono e purtroppo vanno affrontati. Quando c’è da fare solidarietà ed aiutare qualcuno in difficoltà, in particolare i neonati, noi siamo i primi ad essere interpellati e dare una mano: tutti noi giocatori ci teniamo tantissimo. Adesso ci presenteremo il 18 di questo mese all’Ospedale “Maggiore”, nel reparto di pediatria, a portare regali ai bambini. E’ una questione di sensibilità, soffriamo anche noi e se possiamo, diamo una mano volentieri a chi ha avuto la sfortuna di avere delle difficoltà ”.

Dopo addii e ritorni a Novara, hai trovato una certa continuità con la maglia Azzurra. Questo è il quarto anno consecutivo che risiedi sotto la Cupola. Novara è diventata la tua piazza ideale ? “ Al contrario di quello che è successo in passato, negli ultimi anni mi sono dedicato appieno per il bene del Novara Calcio. Il mio è stato un ritorno sentito e voluto, vorrei mettere alla prova chiunque di provarci di nuovo e di venire a giocare le mie carte partendo con delle difficoltà, ricordo che inizialmente i tifosi erano scettici e invece io ho messo tutta la mia buona volontà per cercare di essere importante per questa squadra, sapendo di trovare una nuova società e quindi avevo tanta voglia di una rivincita personale. Dopo questi quattro anni ti posso dire che parte degli obiettivi li ho raggiunti e sono orgoglioso di aver fatto questa scelta e sono felice di essermi rimesso in gioco e di continuare il cammino insieme al Novara ”.

Un messaggio per i tifosi…
“ Ho vissuto momenti davvero tristi di questa società e oggi mi riempie di gioia entrare allo stadio e vedere tanti spettatori; questo vuol dire aver creato un entusiasmo che non ha eguali rispetto al passato e io sono fortunatamente presente, anch’io mi godo tutti questi momenti. Grazie a tutti i tifosi, seguiteci sempre e stateci vicino ! ”.

Grazie a Raffaele Rubino per la disponibilità nel concederci questa intervista. Un ringraziamento anche all'Ufficio Stampa del Novara Calcio per la concessione rilasciataci nella stessa.

Alberto Battimo

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Designazioni arbitrali Girone A
• Giovanni Nicoletti di Catanzaro per Al-Nov
Prevendita biglietti Alessandria-Novara
• tutte le info
L'editoriale Azzurro
• di Massimo Barbero
Viali: "un risultato inaccettabile"
• L'analisi del tecnico azzurro
Favarin:"Ci abbiamo creduto fino alla fine; orgoglioso dei miei"
• L'analisi del tecnico rossonero
Novara-Lucchese 2-2
• Il tabellino del match
5 minuti di black-out costano 2 punti
• Azzurri padroni del campo per 85' ma vengono acciuffati dalla Lucchese
Le Formazioni Ufficiali di Novara-Lucchese
• ecco i 22 scelti da Viali e Favarin


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel