www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: lunedì 18 giugno 2018 - 23:59 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

Lo sport novarese
Articoli correlati
Il Fedelissimo di Novara - Virtus Entella
• Leggilo qui in anteprima
Novara - Empoli: i precedenti
• uno sguardo ai match del passato
venerdì 18 maggio 2012 - 08:51
di Massimo Barbero

L’inattesa fusione tra l’Asystel e Villa Cortese è l’occasione per riproporre, pari pari, un articolo che avevamo pubblicato su questo sito nel novembre 2007. Pochi giorni dopo Antonio Caserta sarebbe stato insignito della cittadinanza onoraria di Novara (…) Per contro i rapporti tra De Salvo e l’amministrazione comunale erano certamente idilliaci, per colpa dell’inaugurazione di Novarello... Di contorno c’erano un basket avviato verso una scontata deriva dopo l’allontanamento dell’appassionatissimo Cimberio ed un Hockey Novara messo all’angolo da una lotta politica che l’avrebbe portato ad abbandonare le scene sportive nella primavera del 2009.
Per fortuna lo sport novarese ha retto. Per merito della famiglia De Salvo. E grazie alla passione di tanti dirigenti-tecnici che lavorano dietro le quinte, in maniera spesso instancabile. Penso ad Erasmo Marcon nell’hockey o a coloro che hanno riportato il baseball di vertice a Novara. Ma gli esempi meno noti potrebbero moltiplicarsi all’infinito, con il rischio di dimenticare qualcuno.
Ecco le considerazioni che facevamo in quel sabato mattina dell’autunno 2007… Dal passato (anche recente) si può sempre imparare qualcosa per il futuro…
Questo week end di stop ci è utile per considerazioni più ad ampio raggio. Una decina di giorni fa sul “muro” si è aperto un dibattito sui “Draghi” che ricordava un po’ i discorsi che si facevano sulla “Cimberio” a fine 2001. Da una parte c’è chi si entusiasma per una nuova realtà sportiva ad alto livello. Dall’altra c’è chi non riesce a sentire propria fino in fondo una squadra “trapiantata” (e l’epilogo della vicenda sportiva Aironi e prima Manner avvalorerebbe questa tesi). Entrambe le posizioni sono sostenibili ed hanno (almeno) un fondo di ragione. Secondo me il discorso però va impostato in maniera diversa. Le squadre storiche di questa città sono il Novara Calcio e l’Hockey Novara. L’una è stata fondata nel 1908, l’altra nel 1924. Una vita fa o giù di lì. Un filo comune le ha sempre legate. Da Santino Tarantola a Pippo Resta, fino al volto degli appassionati, quasi sempre gli stessi, almeno negli anni del secondo boom rotellistico, dal 1985 in poi. Ricordo la genesi del mio tifo da bambino. Il mio cuore già batteva per il Novara Calcio quando mio padre mi portò per la prima volta a vedere l’hockey. Mi entusiasmai subito perché mi pareva di vedere il “mio Novara” che semplicemente era impegnato in un’altra disciplina. Stessa maglia, stessi colori, stesso stemma, stessi “pavesini” a ricordare la città. Un po’ come accade per la Nazionale. Quella di calcio è al centro dei nostri pensieri. Ma tifiamo ugualmente Italia ai Mondiali di Pallacanestro, Pallavolo, rugby…Ecco questo è il punto da cui partire. Non si può venire a fare sport a Novara senza relazionarsi con la sua storia sportiva. Ve la immaginate una forte squadra di basket che va a giocare a Barcellona con la “camiseta blanca”, anziché la mitica “azulgrana”? Potrebbe mai avere successo? Qui le condizioni sono diverse. Non c’è una Polisportiva (idea bella, ma molto complessa), l’amore per l’azzurro purtroppo meno viscerale… Però il discorso di base è lo stesso. Ricordo il mio smarrimento di un giorno della primavera del 2002 quando vidi tante sciarpe biancorosse nel piazzale del nostro stadio… Nella mia ingenuità… pensai subito ad un inspiegabile invasione di monzesi o mantovani… prima di ricollegarle al biancorosso dell’Asystel…Ed allora spazio solo a calcio ed hockey? Assolutamente no! Ben vengano imprenditori intenzionati ad investire nel calcio, nel basket, nella pallavolo,nel rugby… Meglio un’offerta ricca nella quale ciascuno può scegliere il proprio (meglio i propri) sport preferito/i che un’offerta desolatamente povera come in altre città a noi geograficamente vicine…Però sarebbe bello unire questa passione in un comune denominatore, per evitare che si disperda in tanti piccoli focolai di tifo. Ed in questo senso sono le società “importate” a doversi relazionare con quelle storiche, sono loro a doversi agganciare ad un passato che dura da almeno cent’anni non viceversa. Biglietti gratis, campagne di stampa roboanti servono a riempire il palazzetto per un mese, un anno, due, non a radicare una squadra sportiva in un nuovo territorio. Mi piacerebbe vedere un dirigente dei Draghi o dell’Asystel bussare alla porta del Novara Calcio per dire: “cosa possiamo fare per portare assieme più gente alle nostre partite?” Mi piacerebbe vedere un alto dirigente dei Draghi o dell’Asystel contattare l’Hockey Novara per ricreare assieme una passione comune. Mi piacerebbe sentire dirigenti dei Draghi o dell’Asystel dire: “Siamo venuti a fare sport in una città che ha una grande tradizione con calcio ed hockey. Speriamo di conquistarci nel tempo un nostro angolino in una realtà importante”. Mi piacerebbe vedere delegazioni di Draghi o Asystel andare dai tifosi organizzati per fare un in bocca al lupo al Novara Calcio, assicurare loro il massimo sostegno agli azzurri e nel contempo chiedere: “nei limiti del possibile… venite a fare tifo anche per noi? In fondo sempre di Novara si tratta…” Utopia forse. Ma forse è l’unica strada per radicare davvero nuove realtà nella nostra città. Per farle sentire fino in fondo novaresi, permeate a loro modo di quell’azzurro che fa battere i nostri cuori. Altrimenti il nome “Novara” non basta a cancellare la sensazione di “ospiti” di lusso in cerca di una sistemazione più comoda o confortevole. Quando sento che l’Asystel potrebbe far allontanare l’hockey dal “Dal Lago” inorridisco. L’hockey via dal Palazzetto costruito apposta per l’hockey? Da un palazzetto che porta il nome di un ragazzo che lì è morto con la maglia azzurra addosso? Perché hockey e pallavolo non possono convivere? L’Hockey va allontanato solo perché non tira più come un tempo? La storia non la si misura con l’Auditel altrimenti Simona Ventura conterebbe più di Garibaldi… Ragionando con questo metro di valutazione… tra vent’anni un imprenditore milanese disposto ad investire grandi capitali nel rugby (sport emergente) potrebbe allontanare dal “Piola” un Novara Calcio relegato in anonime posizioni di retrovia (facciamo gli scongiuri). Il paragone non regge? Forse. Ma vent’anni fa qualcuno avrebbe immaginato che la pallavolo femminile avrebbe nettamente superato l’hockey in termini di gradimento? Sport e storia non possono che andare di pari passo. I milioni tifosi della Juve non possono dimenticare nemmeno per un istante che quella maglietta ora vestita da Legrottaglie o Molinaro è stata indossata da Scirea, Gentile Cabrini… Altrimenti quella stessa maglietta bianconera non avrebbe più senso per loro… Idem dicasi per l’Inter stracolma di stranieri che per la sua gente è la stessa Inter di Burgnich e Facchetti…
Il rispetto per il passato e la tradizione è il primo passo per un grande futuro. Questo è il punto essenziale da cogliere per una Novara sportiva sempre più importante ed unita, nel nome di un’unica grande passione, possibilmente azzurra…

Massimo Barbero


.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
La Rosa attuale del Novara Calcio
• ventinove gli azzurri sotto contratto
Acquisti/Cessioni
• il borsino del mercato azzurro
Coppa Italia 2018/2019: le date
• Esordio Novara il 29 luglio
L'editoriale Azzurro
• di Massimo Barbero
Viali: "Dobbiamo riaccendere la piazza"
• presentazione ufficiale del neo tecnico
Novara-Spal: c'è l'intesa per Dickmann
• entro fine mese arriverà il "sì" del giocatore
Viali: "Ho voglia ed entusiasmo, al lavoro per costruire un Novara coraggioso"
• Prime parole del neo Mister azzurro
Giovanili: Bellich verso il Genoa
• Pronto il prestito per la prossima stagione


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel