HOME

RISULTATI

CLASSIFICA

CALENDARIO

SQUADRA

STAFF TECNICO

SOCIETA'

STORIA

STADIO PIOLA

JUNIORES

NAZIONALI

  MURO

REDAZIONE

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: mercoledý 29 giugno 2022 - 09:30 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

.

.

.

La tabaccheria del tifoso


.

» TUTTE LE NEWS

   NOVARA FC
   EDITORIALI
   INTERVISTE
   CALCIO MERCATO
   INFO DAI TIFOSI
   ARCHIVIO FOTO
   IL FEDELISSIMO
   RADIO AZZURRA
 

» SPECIALI

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord

..

.PP
.P



Storie di ex......Luis Liendo
Articoli correlati
Marchionni "rammaricato per questo finale di stagione"
• il tecnico azzurro in conferenza stampa
Ferranti "Al lavoro su pi¨ fronti. Con lo sguardo alla Poule Scudetto"
• il Presidente azzurro ospite ad "Azzurri in Radio"
giovedý 23 febbraio 2012 - 10:19
di Massimo Barbero

Oggi “Forzanovara” si sposta dall’altra parte del mondo. Siamo andati in Bolivia a scovare Luis Liendo... Venne ingaggiato dal Novara, a furor di popolo, nell’estate 2004. I tifosi dopo averlo visto in precampionato in un amichevole “internazionale” a Borgomanero (quando era ancora in prova) ne erano entusiasti. Il campo non ha confermato appieno le attese, ma il seguito della carriera dell’ex nazionale ha dimostrato che i suoi sostenitori ci avevano visto giusto. A quasi 34 anni (li compirà sabato 25) è protagonista nel massimo campionato boliviano. Ha lasciato l’Italia nel 2007 con una laurea ed un ottimo bagaglio culturale, ulteriormente arricchito dall’esperienza nel nostro paese.

Ciao Luis, come stai? Dove giochi adesso? “Molto bene grazie. Ho  quasi 34 anni però sono ancora in forma e ho tanta voglia di continuare a giocare. Sono tornato in Sudamerica e milito nel Universitario di Sucre, squadra di serie A boliviana. Sono il capitano e negli ultimi due anni abbiamo giocatola Copa Sudamericamache per intenderci, equivale alla vostra Europa League”.

Hai giocato in Argentina (Boca Juniors), Stati Uniti, Spagna (Real Madrid B) ed ovviamente in Bolivia, nazionale compresa. E’ vero che il calcio italiano è il più difficile? “Sicuramente si. Sono 17 anni che faccio il nomade… in giro per il mondo e posso dire che per me il calcio italiano e quello più duro. Si fonda essenzialmente sulla tattica e sulla forza física. Ho fatto fatica ad adattarmi all’inizio…”

Sei arrivato a Novara circondato da grandi aspettative. Poi cosa è successo? “Fu un anno difficile per tutti. Avevamo davvero una bella squadra, c’erano tanti giocatori bravi, E’ mancata la continuità di rendimento ed i risultati non sono arrivati. Tanto che abbiamo dovuto rincorrere la salvezza, ai play out con il Como…”

Le chances maggiori le avevi avute con mister Venturini.  Secondo me la tua migliore partita in azzurro rimane quella in casa contro lo Spezia (3-3). Sei d’accordo? “Certo. Avevo aspettato con pazienza il mio momento. E ricordo bene quella gara contro lo Spezia al “Piola” giocata a ritmi altissimi. Acciuffammo il 3-3 allo scadere. Fu davvero emozionante”.

Con Jaconi hai avuto pochissimo spazio. Come mai? “Nella prima partita della sua gestione, vinta per 1-0 controla Pistoiese, ho riportato una frattura tripla dello zigomo sinistro. Sono tornato a disposizione due mesi dopo, ma il mister mi ha concesso solo pochi minuti in campo. Poi, per fortuna, Gattuso ci ha condotto alla salvezza…”

Quanto ha pesato, all’epoca, il fatto di non avere una società solida e stabile? “Direi tanto. Quanto è successo anni dopo quando è arrivata l’attuale proprietà lo conferma”.

A Novara vivevi a Sant’Agabio e frequentavi l’università. Calcio a parte, come ti sei trovato nella nostra città? “Molto bene. Fuori del calcio passavo molto tempo all’Università del Piemonte Orientale dove frequentavo la facoltà di Farmacia. Ho ancora tanti amici, dentro e fuori dal campo”.

Ti senti ancora con qualche compagno di squadra della tua esperienza in azzurro? “Sì: Rubino, Pinamonte, Leto Colombo e Doardo….Sono molto contento che Raffaele e Porcari siano ancora li, a difendere i colori del Novara nella massima serie”.

Dalla Bolivia hai seguito la scalata degli azzurri sino alla serie A? “Certo! Sono molto contento per quello è stato fatto nelle ultime stagioni. Lo merita tutta la città. So che il Novara lotterà fino alla fine per non perdere la categoria”.

Vuoi concludere con un messaggio ai tifosi azzurri “Mando un saluto a tutti i tifosi novaresi, vi ricordo sempre, FORZA NOVARA!”

Massimo Barbero

.



.

 Seguici su Facebook

.

 
.

.

» ULTIME NEWS
E' la settimana di Zebi e riconferme
• Verso le prime ufficializzazioni
I primi passi del nuovo Novara
• Verso il ritiro valdostano del 18 luglio
Focus sulle possibili riconferme!
• Analisi in corso su diversi elementi della rosa
Manca poco alle prime ufficializzazioni!
• SocietÓ azzurra al lavoro su pi¨ fronti
Novara: consegnata la domanda d'iscrizione
• completato l'iter burocratico
Novara: verso le riconferme
• il borsino di Forzanovara.net

DATE DA RICORDARE
E' nato il NOVARA FC
• In mattinata la firma dell'atto notarile
Distrutti 113 anni di storia!
• tanti i responsabili di questo scempio
Il sogno si Ŕ avverato: SERIE A !!!
• Un traguardo storico
Ora non Ŕ piu' un sogno: SERIE B !!!
• Un lungo sogno che si Ŕ avverato

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



  Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato alla squadra di calcio della città di Novara e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara on line dal 2000 da un'idea di Carlo Magretti  -  email: redazione@forzanovara.net 
All Rights Reserved - Copyright
© 2000-2025